23. Julius Nyerere

“La formazione deve incoraggiare lo sviluppo in ciascun cittadino di tre cose: una mente curiosa, la capacità di apprendere dagli altri e di adattare ciò che si impara ai propri bisogni, la sicura fiducia della propria posizione come membro libero della società che rispetta gli altri e ne è rispettato per quello che fa e non per quello che ottiene … Solo cittadini liberi, consci del proprio valore e uguaglianza possono costruire una società libera”.

Julius Nyerere

Annunci
Questa voce è stata pubblicata da il pescatore di perle.

5 thoughts on “23. Julius Nyerere

  1. Io a “rispettato per quello che fa” aggiungerei anche “per quello che è”, perchè troppo spesso ciò che si fa non corrisponde a ciò che si è. Voglio dire che esistono molte persone che hanno un ruolo sociale importante, un lavoro prestigioso, che però non necessariamente sono belle persone.

  2. quello che più mi piace di te, redpoz, è il fatto che si vede che ami l’umanità in una maniera profondissima… conosco un sacco di imbecilli che amano le persone, nel senso di quelle che conoscono, e ogni passante abituale è un amico. Conosco anche un sacco di imbecilli che dicono di amare la gente, ma già che la chiamino gente suona sospetto. Tu invece ci credi in maniera commovente… a volte, pensando al PD, nel quale evidentemente almeno un po’ credi, mi verrebbe voglia di usarti come bastone da dare in testa ai Renzi di questo mondo.

    Su quel che si è e su quel che si fa, sono abbastanza d’accordo con James Stewart

  3. “…Solo cittadini liberi, consci del proprio valore e uguaglianza possono costruire una società libera”.
    anche quando questa libertà, pur non ledendo quella degli altri, si esprime in forma che convenzionalemnte non è accettata’ Faccio un’esempio banale: il delirio storico ha creato i demoni del giovane fascita o comunista. Immagino un giovane che segue quelle dottrine (che non coincidono, come qualcuno vuole insegnarci, con dittature a tutti i costi) che fa il proprio lavoro, che è normalmente inserito nella societa ma che molti “libertari” non accettano!

  4. @ Rear Window: quoto quanto dici: senza dubbio una persona, qualsiasi persona, deve essere rispettata a prescindere dal suo lavoro. Che può essere un merito supplementare, ma in nessun caso incide sulla sua dignità. Considera però che Nyerere fu tra i fondatori del “socialismo africano”, quindi per lui probabilmente l’affermazione aveva senso così…

    @ intesomale: ti ringrazio delle tue parole, è molto bello.
    Anche se paradossalmente, sono fra le persone meno socievoli che si possano immaginare….

    @ geleselibero: soprattutto quando questa libertà si esprime in forme non convenzionali, magari anche riprobate. Come diceva Rosa Luxemburg che citavo qualche tempo fa “la libertà è sempre la libertà di dissentire”, nei pensieri, parole ed azioni. Insomma, l’uomo (donna) è prezioso in quanto diverso, e la sua diversità è comunque un pregio.

  5. redpoz, ti approvo.
    La libertà è sempre un bene, anche quando fa emergere qualcosa che difficilmente condividiamo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: