recensione 9: Imagine me & you

Sin da quando ho visto per la prima volta “Imagine me & you” avrei voluto recensirlo, ma poi il tempo passa e le impressioni sfuggono. Così, solo rivedendolo ieri sera un minimo di recensione è venuto fuori.

Cominciamo col dire che il film ha un ottimo cast: Piper Perabo e Matthew Goode sono due attori di classe, bravi, simpatici e perfetti per le rispettive parti.
Non male neppure la terza protagonista:    Lena Headey.

Diciamo, poi, che il film ha un grande appeal per il suo tema: l’amore omosessuale. Lesbico, nel caso specifico.
Senza dubbio, un tema con una discreta attrattiva.

La storia, come la maggior parte delle commedie romantiche, potrebbe essere un po’ deboluccia in alcune parti (bhè, concediamo che l’insistenza dell’ospite al matrimonio pare poco credibile), ma queste debolezze sono splendidamente superate dalla bravura degli attori e dall’ottimo ritmo della sceneggiatura.

Direi che, in fondo, “Imagine me & you” si inserisce bene nel filone delle commedie romantiche inglese (un pò alla “Notting Hill” o alla “Love actually”): un grande humor fatto di buone battute, molto realistiche e simpatiche, calate nei tempi giusti; qualche giusta scena sentimentale e una certa “introspezione” leggera e mai pensante per lo spettatore.

Il sesso, se posso permettermi, in qualche modo fa da filo rosso nascosto di tutto il film: ovviamente c’è, gioca la sua parte (come non potrebbe?), ma non si vede. Il che, rende gli eventi ancora più gradevoli.

Infine, non ricordavo una tale analisi sentimentale dei singoli personaggi da “Sussurri e grida” di Bergman. Non azzardo a dire che siamo allo stesso livello, ma non ho alcuna ritrosia nell’affermare che tutti i personaggi principali di “Imagine me & you” hanno un loro buon spessore e la sceneggiatura riesce bene a presentarcene le emozioni, i sentimenti, i pensieri più significativi.

Un film emotivo, quindi, ma soprattutto un film simpatico. In ogni senso del termine: un film godibile e gradevole, ma anche un film che ci coinvolge nelle emozioni dei personaggi, che ce ne da una chiara visione senza fermarsi a stereotipi di machismo, freddezza, infatuazione o altro… ma portandoci attraverso la paura quotidiana che attraversa il sentimento nell’amare, essere amati ed essere lasciati.

Senza dubbio, un film che consiglio per passare una serata leggera con un film, anche, serio.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata da redpoz.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: