R, come rugby (e P, come previsioni)

Parte stasera il mondiale di rugby in Inghilterra… butto lì qualche riflessione:

  1. Pools, i gironi
    A guardare il ranking mondiale, gironi abbastanza bislacchi e squilibrati: con ogni probabilità, squadre candidate ad essere protagoniste potrebbero uscire dopo le prime partite… Molti scontri ad non perdere (due fra tutti: Francia-Italia e Inghilterra-Galles).
    Troviamo infatti un pool A con tre squadre nei primi 5 posti del ranking (Australia 2°, Inghilterra 4°, Galles 5°), dove i valori reali dicono però qualcosa di abbastanza diverso, con un Galles sempre estremamente pericoloso, un’Inghilterra efficace ma ancora incompiuta ed un’Australia da parecchi anni in crisi d’identità. Completano il quadro Fiji (9°, in altri gironi avrebbero fatto paura) e Uruguay.
    Nel pool B quasi certo di passare il turno il Sud Africa (3°), nonostante gli immancabili malanni nazionali. Sarà interessante vedere chi la spunterà per il secondo posto fra USA, Samoa, Giappone e Scozia: tutte squadre comprese fra la 10° e 15° posizione…
    Il pool C è forse il più “tranquillo” e destinato a riservare minori sorprese: Nuova Zelanda (1°), Argentina (8°) in enorme crescita, Tonga, Georgia e Namibia. Dopo le prime due, squadre interessanti, ma di livello decisamente inferiore.
    Infine, arriviamo al pool D dell’Italia (14°), con Francia (7°), Irlanda (6°), Canada e Romania. All’esito del sorteggio alcuni anni fa (2012) dichiarai “I have a dream… si può fare!“: oggi non ne sono più così sicuro. Se l’Irlanda si conferma una brutta bestia, con una squadra completa e pericolosa per chiunque (sì, per chiunque!) e la Francia è stata afflitta per tutta la gestione di Saint-André da dubbi interni e poche certezze, le ultime prove dell’Italia danno poca fiducia.
    Dando per fattibili le partite con Canada e Romania, servirebbe un miracolo all’esordio con la Francia per passare il turno e con l’assenza di Parisse, non nutro molte speranze. Chissà, i miracoli accadono… Non la vedo fattibile vincere con l’Irlanda (nel 2011 perdemmo al mondiale con uno strepitoso secondo tempo degli irlandesi e vincemmo al Sei Nazioni).
  2. E dopo?
    Proviamo un giochino a questo punto: dati per assodati i passaggi ai quarti di Australia, Nuova Zelanda, Sudafrica, Argentina, Francia e Irlanda, resta da scommettere fra Galles/Inghilterra ed una fra Scozia/Giappone/Samoa/USA. Partiamo dalle seconde: azzardo che gli USA sono leggermente più indietro e li escluderei; Samoa è sempre pericolosa, ma la carenza di disciplina potrebbe costargli cara; il Giappone non ha un record eccezionale, ma i giapponesi son pazzi e chissà cosa possono combinare; la Scozia avrebbe tutto per passare il turno, ma ha anche tutto per fare flop. Voto Scozia, con qualche dubbio e un’opzione sul Giappone.
    Inghilterra/Galles è tirare la monetina… due squadre dal potenziale enorme, affermate, affamate, tecniche… Fattore campo a favore degli Inglesi, ma potrebbe anche essere un peso terribile se le cose si complicassero; follia e spirito guerriero per il Galles che anche senza il cecchino Halfpenny può giocarsi le sue carte (per un paragone al Sei Nazioni 2015 l’Inghilterra ha perso contro l’Irlanda, poi campione, ed il Galles ha vinto). Tifo Galles, in buona parte per il gusto dell’imprevisto e per un sonoro ass kicking agli inglesi!
  3. E siamo a quarti
    Q1: Immaginiamo che tutto vada come previsto… Ai quarti il Sudafrica (vincitrice pool B) sfida la seconda del pool A, che potrebbe essere chiunque fra le tre Australia, Inghilterra, Galles. Continuo i miei azzardi e dico che gli Spingboks perderebbero contro le due europee (don’t ask me why) e vincerebbero contro i Wallabies. Teoria dell’assurdo, lo so.
    Q4: Dall’altra parte, scommetterei che chiunque fra l’eventuale vincitrice del girone A possa battere la seconda del girone B (Scozia o chi altro). Certo, un’eventuale sfida Scozia-Inghilterra avrebbe un fascino enorme (ma in questo caso credo che il fattore campo e la differenza tecnica premierebbero gli inglesi), così come Scozia-Galles.
    Q3:Molto più entusiasmanti le sfide fra i gironi C e D: i Pumas argentini sono una brutta bestia per chiunque, storicamente per la Francia in particolare, se in francesi vincessero il girone D, scommetterei su una loro sconfitta contro i Pumas ai quarti. Se fosse l’Irlanda a vincere, il cuore mi spinge a puntare sull’impresa della prima seminfinale per gli uomini in verde di Schmidt!
    Q2: Dulcis in fundo, arriviamo ai kiwi, favoriti assoluti e destinati vincitori del pool C: la Francia contro di loro ha sempre fatto prestazioni eccezionali (vedere l’incredibile finale 2011) e, per quanto sia difficile ripetersi, l’orgoglio gioca un ruolo sorprendente in un campo di rugby. Dire chi la spunterebbe è praticamente impossibile: la logica dice All Black, la follia Francia. Situazione non dissimile se la seconda fosse l’Irlanda: divario tecnico quasi identico, anzi paradossalmente forse minore per gli irlandesi (più solidi, con più capacità di giocate estrose, con un tecnico più meticoloso e letali) rispetto ai francesi. Scommettere sulla Nuova Zelanda fuori ai quarti è follia, ma sarei quasi tentato di farlo!
  4. Nel regno dell’assurdo!
    E lasciatemi divertire!canterebbe Palazzeschi e allora, per puro divertimento, proseguo questa serie di pronostici improbabili… Semifinali!
    S2: Cominciamo con le cose semplici: dal Q4 (Australia/Galles/Inghilterra vs Scozia) passa la vincitrice del pool A, ovvero Australia/Galles/Inghilterra e gioca contro la vincitrice del Q3, ovvero la roulette russa Francia/Irlanda vs Argentina. Ho detto che nel primo caso vincono i Pumas, nel secondo la squadra di Sexton e O’Connell. In estrema sintesi:
    Australia-Argentina: Argentina;  Australia-Irlanda: Irlanda; Inghilterra-Argentina: Inghilterra; Inghilterra-Irlanda: Irlanda; Galles-Argentina: Galles; Galles-Irlanda… mi piange il cuore, ma azzardo ancora Irlanda!
    S1: i Wallabies non passerebbero il Q1 contro il Sudafrica, Kiwi clamorosamente fuori, quindi le ipotesi:
    Sud Africa-Francia: Sud Africa; Sud Africa-Irlanda: Irlanda; Galles-Francia: Francia; Galles-Irlanda: ut supra; Inghilterra-Francia: Inghilttera; Inghilterra-Irlanda: bloody sunday peggio che nel girone col Galles… dico che gli uomini di coach Lancaster approdano in finale (contraddice quanto ho scritto per la Semifinale 2, lo so!).
  5. Margini d’errore
    Non mi spingerò sino alla demenzialità di pronosticare una finale immaginaria. Piuttosto, provo a fare alcune correzioni a questo splendido ed affidabilissimo modello che vi ho proposto per gioco (vi prego: non scommetteteci una lira!).
    Prima di tutto, la Nuova Zelanda: come detto, immaginarla fuori ai quarti è follia, diciamo allora che -come tutto suggerisce- i kiwi hanno ottime probabilità di battere sia francesi che irlandesi. Neozelandesi in semifinale contro una fra Inghilterra, Galles, Springboks e mettiamoci pure l’Australia: Nuova Zelanda semplicemente campione. Semplicemente: gli All blacks in finale non falliscono. Certo, nella sfida con l’Inghilterra potrebbe accadere di tutto…
    Sono abbastanza convinto che i Wallabies perderebbero quasi ogni abbinata in seminifinale, dando loro qualche chances solo contro Irlanda e Francia (qualcuna in più contro la Francia). Considerazioni simili per i Pumas, anche si li immagino più pericolosi degli australiani: darei loro qualche chances contro Francia, Galles, Irlanda.
    L’Inghilterra diventa un’incognita assoluta: fra il mondiale giocato in casa e le qualità della quadra, potrebbero vincere con chiunque, con la giusta congiunzione astrale, anche con i kiwi. Ha il solo difetto di subire un’enorme pressione psicologica, che peserà moltissimo soprattutto su Lancaster e potrebbe incrinare l’achimia.
    Irlanda: se l’ho data spesso vincente in questi pronostici poco scientici e molto personali, è stato soprattutto per ragioni “sentimentali”. Quindi non facciamoci affidamento. Buone opportunità con l’Argentina e Australia, quasi zero con gli All blacks e inglesi, col Galles è sempre una sfida molto equilibrata. Il dato probabilmente più favorevole per l’Irlanda è una squadra super-rodata ed un allenatore che ha pochi eguali (se alcuno) nel mondo del rugby.
    Discorso non dissimile per la Francia: i “galletti” hanno il potenziale per far male a tutti, compresi i più favoriti. Ma sono in una condizione difficile da decifrare, soprattutto a livello mentale: potrebbero esaltarsi e fare partite superlative, così come crollare senza ragione apparente. Molto dipenderà da come Saint-André saprà gestire la squadra e dall’estro di Michalak.

Qui la guida ufficiosa scritta da quelli dell’UltimoUomo.

Footnote sull’Italia, come 4 anni fa, il XV azzurro arriva ai mondiali praticamente nelle peggiori condizioni possibili: non solo capitan Parisse salterà il debutto con la Francia, ma varie tensioni affliggono tutto il movimento e potrebbero avere un impatto negativo sul clima della squadra. Come 4 anni fa, arriviamo al mondiale con un allenatore che aveva fatto buone cose (meglio di Mallet, a mio giudizio) durante la sua gestione, ma non ha completato una maturazione necessaria e da troppo tempo attesa. Un allenatore destinato a non rinnovare il contratto. Continua a mancare un mediano d’apertura di livello, incredibile.
L’Italia ha una nazionale interessante, potenzialmente competitiva, ma sempre incompleta: le manca solidità mentale, efficacia al momento di far punti e capacità di persistere con le cose semplici. Tutti elementi che possono portare ad un tracollo in men che non si dica. I margini per vincere sfide importanti ci sono, ma dovrebbe andare tutto alla perfezione: camminiamo su un filo sottilissimo…

Annunci
Questa voce è stata pubblicata da redpoz.

2 thoughts on “R, come rugby (e P, come previsioni)

  1. Pingback: Chi ha paura dell’Uomo All Black? – redpoz: miscellanea | i discutibili

  2. Pingback: Chi ha paura dell’Uomo All Black? -redpoz bis: under pressure | i discutibili

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: